Aglio inodore sulle nostre tavole

Dell'aglio sono ben note le proprietà terapeutiche: fa bene al cuore e rinforza le difese immunitarie tanto da essere conosciuto come l'«antibiotico naturale», ma l'odore che lascia, soprattutto a chi ne mangia tanto, è davvero sgradevole.
In commercio esistono da tempo capsule all'estratto di aglio "inodore". È, invece, di qualche ora fa la notizia dell'invenzione di una macchina a onde elettromagnetiche in grado di togliere l'odore sgradevole all'aglio in 24 ore, senza cambiarne il sapore né le propriet√† organolettiche.
L'artefice è Edison de Cezar Philippi, cardiologo brasiliano di 59 anni, specializzato in medicina ortomolecolare che vive a Curitibanos, uno dei maggiori centri di produzione dell'aglio in Sudamerica.
L'invezione, frutto di ben dodici anni di ricerca, è stata brevettata e già nei prossimi giorni verrà commercializzato l'aglio senza lo sgradevole olezzo.

Per certi versi mi dispiace: sicuramente anche io non gradisco l'alito pesante, ma trovo che in cucina, quando lo si fa soffriggere nell'olio per la preparazione di sughi o, semplicemente, per la pasta aglio e olio o nel burro, con la salvia, per condire i pizzoccheri, l'aglio emani un vero e proprio profumo.

La foto, bellissima, è di Vittorio Ubertone.

0 Commenti:

Posta un commento

 

 

Site meter